fbpx
Now Reading
“Dove i clown vanno quando sono tristi” di Sara Comuzzo

“Dove i clown vanno quando sono tristi” di Sara Comuzzo

TITOLODove i clown vanno quando sono tristi
AUTORESara Comuzzo
EDITOREBrè Edizioni
DATA USCITA31/07/2020
PAGINE102
GENEREPoesia
ISBN9791280065575

SINOSSI

Dove i Clown Vanno Quando Sono Tristi intende fotografare e raccontare diversi temi dell’epoca post-moderna, come l’effimerità di certe relazioni, un senso di alienazione in un tempo di guerre e missili, battaglie perse, nevicate interne ed esterne. Ma è soprattutto un invito a guardare oltre la facciata delle cose, abbattere le distanze, rovistare tra i segreti perché, come suggerisce un verso al suo interno, “Ogni vento inizia con un soffio”. Il libro sostiene che esiste un luogo che accoglie i superstiti; una coordinata geografica dove anche i clown possono permettersi di essere tristi, sconfiggendo le convenzioni che li vorrebbero sempre allegri.

È stato scritto tra Dublino, Londra e Brighton, ed è composto da 3 parti precedute da un prologo e seguite da un epilogo. A livello stilistico, tra le maggiori influenze brillano la poesia di Frank O’Hara e di altri esponenti della New York School, la poetica di Boris Ryzij e la scrittura teatrale di Sarah Kane.

La prima parte Camere Separate estende il tema di coppia già presente nei lavori precedenti e tratta del tentativo di un amare senza aspettative finito male. Le Colombe Sanno Tutto racconta di inverni rigidi, buone intenzioni, incidenti autostradali, lutti improvvisi e perdite che forse a volte sono guadagni. L’ultima parte intitolata Fermarsi interroga specificatamente che cosa significhi stare al mondo al giorno d’oggi, il senso ultimo delle cose, il salto di un tuffatore dalla parte sbagliata. Parla di perdite metaforiche o reali e di come ci si sente quando si perde qualcuno che si ama in una sala d’aspetto.

L’AUTRICE

Sara Comuzzo (Udine, 1988) ha pubblicato cinque raccolte di poesie e una di racconti. Sue poesie appaiono su siti, riviste e blog letterari in Italia e all’estero e sono state tradotte in portoghese, spagnolo, russo e inglese. Ha studiato letteratura moderna e studi di genere alla Sussex University con una tesi sul teatro di Sarah Kane.

Leggi anche

Collabora con YAWP nel reparto “Poesia”, come critica e traduttrice.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

© 2020 Il Prisma Comunicazione - Studio Giornalisti Associati
P.IVA 02787520648 - Informativa sul trattamento dei dati personali

Il sito Librando Magazine partecipa ai programmi di affiliazione dei negozi IBS.it e Amazon EU, forme di accordo che consentono ai siti di recepire una piccola quota dei ricavi sui prodotti linkati e poi acquistati dagli utenti, senza variazione di prezzo per questi ultimi.

E' vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti senza inequivocabile autorizzazione scritta dell'editore

Scorri verso l'alto