fbpx
Now Reading
“Una felicità semplice”, il nuovo romanzo di Sara Rattaro per Sperling & Kupfer

“Una felicità semplice”, il nuovo romanzo di Sara Rattaro per Sperling & Kupfer

Librando Magazine

Dall’apprezzata autrice genovese una storia che si dipana tra occasioni che non sappiamo cogliere, barlumi di felicità futura che fanno paura e mani che la vita tende all’improvviso

TITOLOUna felicità semplice
AUTORESara Rattaro
EDITORESperling & Kupfer
COLLANAPandora
DATA USCITA20/04/2021
PAGINE256
GENERENarrativa
ISBN9788820071288

È appena approdato in libreria per Sperling & KupferUna felicità semplice”, l’ultimo romanzo di Sara Rattaro, una delle autrici più amate e versatili della narrativa italiana, seguita da un pubblico fedele di lettrici e lettori e molto stimata dai librai indipendenti. Con questa nuova storia si conferma una scrittrice di grande talento nella narrazione e nella descrizione delle dinamiche psicologiche dei personaggi.

Una storia che si dipana tra occasioni che non sappiamo cogliere, barlumi di felicità futura che fanno paura e mani che la vita tende all’improvviso. Il destino potrà confonderci con i suoi percorsi imprevedibili, ma a salvarci sarà solo il nostro coraggio: quello di inseguire i nostri sogni o di concederci l’occasione di amare di nuovo.

La copertina del volume è illustrata da Pascal Campion.

IL LIBRO

Un giorno come tanti, Cristina entra in un negozio sotto casa per fare la spesa. Un saluto veloce all’ingresso, i gesti automatici di sempre, qualche pensiero per la testa. Poi, all’improvviso, un uomo la afferra alle spalle e le punta qualcosa alla schiena. E così quella commissione insignificante diventa un momento cruciale, uno spartiacque tra un prima e un dopo, o addirittura tra la vita e la morte. Proprio in quell’attimo, ostaggio di una rapina, Cristina percepisce l’essenza di tutto, come se le si squarciasse un velo davanti agli occhi. E si vede per quella che è davvero: una madre che non ha ancora sanato la frattura profonda che la divide da sua figlia, e una figlia che non sa comprendere il desiderio di sua madre di rifarsi una vita; una vedova chiusa in un dolore indicibile, e una donna che crede di avere già amato abbastanza – forse, di non avere nemmeno più diritto alla felicità. È un istante sospeso, tra mille variabili e mille possibilità: una fatale follia o un soccorso insperato; un futuro da cancellare o un nuovo inizio per rinascere.

DAL LIBRO

«Sono entrata nel negozio dopo aver salutato Kia sulla soglia, intenta a fumarsi una sigaretta. A quell’ora il calore sembrava possedere una gravità maggiore, come se fosse arrivata l’estate. Ne percepivi la pressione fisica.

Un uomo mi ha lasciata passare; mi è piaciuto sentire il fresco all’interno del locale.

«Prego…» ha detto.

Ho tirato fuori la lista delle cose che mi servivano, pensando a come sarei riuscita a portarle a casa da sola, e ho fatto velocemente la spesa.

Al momento di pagare mi sono avvicinata al bancone, dove Arun, il marito di Kia, mi fissava sorridente.

Qualcuno mi ha afferrata alle spalle. Era l’uomo con la barba e il cappuccio sulla testa che mi aveva dato la precedenza all’ingresso.

«Stai ferma», mi ha ordinato.

Questa è una rapina, ho pensato mentre osservavo Arun impallidire, spaventato. Ho avvertito qualcosa premermi sulla schiena. Non saprei dire se avesse in mano un coltello o altro. Ho strizzato gli occhi un momento e ho sentito il cuore rimpicciolirsi dalla paura.

Leggi anche

Si dice che gli unici momenti autentici della vita riguardino la nascita e la morte. Quando nasce un figlio o muore una persona che amiamo, l’essenza della vita emerge, galleggia in superficie come schiuma. È un attimo di estasi, come se il vento smettesse di soffiare, il sole di splendere e il mare arrestasse il suo moto. Si forma un’impercettibile crepa che ti permette di intravedere cosa c’è sotto.

In quel momento, mentre Arun davanti a me armeggiava nella cassa, ho visto la mia immagine riflessa nel vetro delle bottiglie riposte sullo scaffale. Ero io, in piedi, sovrastata da un uomo alto che mi impediva di muovermi. Sarebbe potuto finire tutto lì. Io, la mia vita, ma anche quella pungente follia che chiamano solitudine. Forse, se quell’uomo mi avesse colpita, non avrebbe fatto altro che porre fine al mio indicibile dolore.

Poi ho pensato a Sofia, e la vita mi ha dimostrato ancora una volta tutta la sua tenacia, come una piantina che si fa strada crepando il cemento, e ho capito che se quell’uomo mi avesse colpita avrebbe, in realtà, lasciato a terra una madre che non aveva ancora portato a termine il suo compito e una donna che credeva di aver già amato abbastanza.

Un velo che si scosta per mostrare la profondità di qualcosa: ecco cos’è una magia».

L’AUTRICE

Sara Rattaro è nata a Genova. Laureata in Biologia e in Scienze della Comunicazione, è autrice di romanzi accolti con grande successo da librai, lettori e critica: “Sulla sedia sbagliata”, “Un uso qualunque di te”, “Non volare via” (Premio Città di Rieti 2014), “Niente è come te” (Premio Bancarella 2015), “Splendi più che puoi” (Premio Rapallo Carige 2016), “L’amore addosso” (Premio Letteraria 2018), “Uomini che restano” (Premio Cimitile 2018), “Andiamo a vedere il giorno”, “La giusta distanza”. È stata testimonial del progetto Q.I. Quoziente di Ispirazione – promosso da Audi in occasione di BookCity 2020 per celebrare la creatività femminile – firmando due racconti che compongono l’omonima raccolta. Docente di Scrittura creativa presso l’Università degli studi di Genova, dirige la collana di narrativa italiana di Morellini Editore e la scuola di scrittura “La fabbrica delle storie” ed è anche autrice di romanzi per ragazzi, editi da Mondadori.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

© 2020 Il Prisma Comunicazione - Studio Giornalisti Associati
P.IVA 02787520648 - Informativa sul trattamento dei dati personali

Il sito Librando Magazine partecipa ai programmi di affiliazione dei negozi IBS.it e Amazon EU, forme di accordo che consentono ai siti di recepire una piccola quota dei ricavi sui prodotti linkati e poi acquistati dagli utenti, senza variazione di prezzo per questi ultimi.

E' vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti senza inequivocabile autorizzazione scritta dell'editore

Scorri verso l'alto