fbpx
Now Reading
“La ragazza andalusa” e “Il maragià di Firenze”, le novità di Arkadia in libreria

“La ragazza andalusa” e “Il maragià di Firenze”, le novità di Arkadia in libreria

Librando Magazine

Fresche di uscita la storia di Alessandro Gianetti, che trasporta il lettore nell’anima solare e vivace della penisola iberica, e quella poco nota del principe indiano Rajaram Chuttraputti raccontata da Paolo Ciampi

TITOLOLa ragazza andalusa
AUTOREAlessandro Gianetti
EDITOREArkadia
COLLANASenza rotta
DATA USCITA19/11/2020
PAGINE160
GENERENarrativa
ISBN9788868512774

La collana “Senza rotta” di Arkadia Editore, curata da Marino Magliani, Luigi Preziosi e Paolo Ciampi, si arricchisce di due nuovi titoli in uscita oggi in libreria: La ragazza andalusadi Alessandro Gianetti e “Il maragià di Firenze” di Paolo Ciampi.

Con il suo nuovo romanzo “La ragazza andalusa”, l’autore fiorentino trapiantato a Siviglia trasporta il lettore nell’anima solare e vivace della penisola iberica, tra personaggi che amano far tardi, atmosfere notturne, buoni libri, feste, e soprattutto incontri. Gianetti narra, infatti, l’incontro e la storia d’amore tra una giovane andalusa e un ragazzo italiano nel cuore di una terra che pulsa di vita e vivacità.

Lui è emigrato a Madrid qualche tempo prima, alla ricerca di una serenità che stenta ancora a concretizzarsi. Lei è una giovane andalusa dal carattere molto particolare. Il loro incontro innesca una serie di sentimenti contrastanti, alimentati da un linguaggio di complicità e malintesi. Malgrado le difficoltà, il protagonista decide di trasferirsi a Siviglia per imprimere una svolta alla propria vita, sopraffatta dalla crisi del 2015, ma qui scoprirà i segreti di una ragazza che credeva di conoscere, finendo invece per assecondarne i giochi capricciosi.


TITOLOIl maragià di Firenze
AUTOREPaolo Ciampi
EDITOREArkadia
COLLANASenza rotta
DATA USCITA19/11/2020
PAGINE128
GENERENarrativa
ISBN9788868512750

Fresco vincitore del terzo premio al “Carlo Piaggia” 2020 con il suo romanzo “L’ambasciatore delle foreste”, Ciampi, invece, ne “Il maragià di Firenze” racconta la storia poco nota del principe indiano Rajaram Chuttraputti, che di ritorno dall’Inghilterra, giovanissimo, trovò la morte nella città toscana.

Leggi anche

Nella narrazione, tra poeti romantici, eccentrici studiosi ed esploratori dell’India, emergono un singolare viaggio e una riflessione sulla bellezza della vita nella sua fragilità. Il primo maragià che dall’India arriva in Europa è poco più di un adolescente, ancora prigioniero dei suoi sogni. La sua stessa vita svanirà come un miraggio. Il ragazzo, di ritorno dall’Inghilterra dove ha reso omaggio alla regina Vittoria, a Firenze inseguirà un altro sogno – la bellezza – ma qui morirà all’improvviso. La città, ancora per poco capitale del Regno d’Italia, saprà vincere diffidenze e pregiudizi accordando al principe un funerale indù. In un’incredibile notte l’Arno diventerà il Gange e là, nel luogo dove il corpo dello sfortunato giovane fu arso, nel parco delle Cascine, oggi si può ammirare il busto scolpito in sua memoria.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

© 2020 Il Prisma Comunicazione - Studio Giornalisti Associati
P.IVA 02787520648 - Informativa sul trattamento dei dati personali

Il sito Librando Magazine partecipa ai programmi di affiliazione dei negozi IBS.it e Amazon EU, forme di accordo che consentono ai siti di recepire una piccola quota dei ricavi sui prodotti linkati e poi acquistati dagli utenti, senza variazione di prezzo per questi ultimi.

E' vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti senza inequivocabile autorizzazione scritta dell'editore

Scorri verso l'alto