fbpx
Now Reading
“La metà del doppio”, Edizioni Spartaco porta in Italia i racconti di Fernando Bermúdez

“La metà del doppio”, Edizioni Spartaco porta in Italia i racconti di Fernando Bermúdez

Librando Magazine

L’autore di origini argentine ha vinto con “La mitad del doble” il Premio Julio Cortázar e il Premio Juan Rulfo, assegnato a Parigi dalla Casa Cultural de México.

La metà del doppio di Fernando Bermúdez
TITOLOLa metà del doppio
AUTOREFernando Bermúdez
CURATOREGiovanni Barone
EDITOREEdizioni Spartaco
DATA USCITA29/10/2020
PAGINE140
GENERENarrativa
ISBN9788896350898

La metà del doppio”, in uscita il 29 ottobre 2020 per Edizioni Spartaco, è una raccolta di racconti che sorprende il lettore e lo trascina in una dimensione dove realtà e sogno si confondono e completano, generando immagini che sconfinano nella metaletteratura, con lo scrittore che diventa personaggio, i protagonisti delle storie che acquisiscono tridimensionalità staccandosi dal foglio di carta e la trama che sconfina in dimensioni parallele come il surreale, l’ambiguo, l’assoluto, il fantastico.

«È una scrittura, quella di Bermúdez, che dall’orizzontalità testuale compie un’impennata e diventa verticale – spiega Giovanni Barone traduttore e curatore del volume, autore della postfazione -. Lo scrittore si guarda scrivere e interviene da esterno nell’atto stesso dello scrivere. Una vera esperienza per il lettore, che viene coinvolto dentro le storie e i loro meccanismi, e assieme all’autore percorre quei labirinti narrativi, si perde nei sentieri che si biforcano, in un universo fatto di costellazioni di significati, di spirali che si aprono dal contingente e vanno verso il sogno, verso l’infinito».

«L’abilità di Bermúdez sta nel giocare col tempo come se chi narra fosse regista e montatore di un film di cui in piena libertà manipola scene, decostruisce, irride tempi e Tempo – così sottolinea Barone -. La scrittura che scrive se stessa mentre si guarda scrivere».

Pubblicato oggi, per la prima volta in Italia, da Edizioni Spartaco, Fernando Bermúdez, nato a Buenos Aires nel 1962, è un autore straordinario, vincitore con “La mitad del doble” del Premio Julio Cortázar e del Premio Juan Rulfo, assegnato a Parigi dalla Casa Cultural de México. Forte dei suoi maestri privilegiati, Macedonio Fernández e Jorge Luis Borges, la scrittura di Bermúdez è colta e articolata, e cela un’architettura complessa, fatta di piani temporali scomposti, di crepe, «interstizi di assurdo» che minano lo stesso linguaggio.

IL LIBRO

Sprofondare nella codardia paralizzati dal giudizio altrui. Vestire il rimpianto, allontanare la felicità.

Guardarsi dall’alto, come da uno specchio sul soffitto, mentre si fa o si perde l’amore e ci si scioglie in un orgasmo o in un addio.

Girare per le strade di una città, cercare e trovare chi inseguivamo, un sogno, un ideale.

Viaggiare il mondo attraverso cartoline illustrate.

Affrancarsi da un sogno, una superstizione, un presagio di morte.

Perdersi nelle possibilità infinite partorite da una mente agonizzante.

Discutere, litigare, impuntarsi su futilità e scoprire ridicolo il quotidiano.

Leggi anche

Immergersi in queste storie è diventarne protagonista, esserne risucchiati, restarne aggrovigliati, viverle in prima persona. Fernando Bermúdez è un maestro nel mescolare le carte, giocare con l’indefinito, creare orditi e intanto entrare nelle trame dialogando col lettore, che ne diventa così personaggio attivo. Leggendo, ci inoltriamo tra «sentieri che si biforcano», finzioni e realtà vagheggiate. I piani temporali sono stravolti, i punti di vista e le prospettive in continuo movimento.

L’esperienza che ci regalano questi racconti è un viaggio in noi stessi, l’accensione dei sensi e dell’immaginazione. La scrittura labirintica ci fa riflettere sul destino, sul tempo, sull’amore, sulla circolarità dell’esistenza. Il linguaggio è curato ma essenziale, dai rimandi ai grandi autori (da Macedonio Fernández a Borges e Calvino), caratterizzato da strutture sorprendenti e innovative, da una ricca e articolata intertestualità.

L’AUTORE

Fernando Bermúdez è nato a Buenos Aires nel 1962. Vive a Stoccolma dove ha riunito un circolo di autori latinoamericani lì residenti, il Grupo Estocolmo, e vi coordina laboratori di scrittura. È docente di Linguistica moderna all’Università di Uppsala. È membro della Writers Society Sweden. Con “La mitad del doble” ha vinto il Premio Cortázar nel 1994 e il Premio Juan Rulfo nel 1997.

IL CURATORE

Giovanni Barone, già funzionario del ministero dell’Istruzione e poi degli Esteri, e collaboratore presso il Consolato generale d’Italia a Rosario in Argentina in programmi di diffusione della lingua e della cultura italiana. Per la casa editrice e/o ha tradotto “Animali domestici” dell’argentino Guillermo Saccomanno e «Carne di cane» del cubano Pedro Jan Gutierrez.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

© 2020 Il Prisma Comunicazione - Studio Giornalisti Associati
P.IVA 02787520648 - Informativa sul trattamento dei dati personali

Il sito Librando Magazine partecipa ai programmi di affiliazione dei negozi IBS.it e Amazon EU, forme di accordo che consentono ai siti di recepire una piccola quota dei ricavi sui prodotti linkati e poi acquistati dagli utenti, senza variazione di prezzo per questi ultimi.

E' vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti senza inequivocabile autorizzazione scritta dell'editore

Scorri verso l'alto