fbpx
Now Reading
In 150 esemplari numerati “La biblioteca di Virginia Woolf” di Stefano Manferlotti

In 150 esemplari numerati “La biblioteca di Virginia Woolf” di Stefano Manferlotti

Librando Magazine

Da Langella Edizioni Napoli un preziosissimo lavoro editoriale stampato su carta Amalfi di Amatruda con cofanetto e legatura a filo artigianale e un segnalibro in resina con all’interno carta settecentesca numerato firmato dall’artista Salvatore Esposito

TITOLOLa biblioteca di Virginia Woolf
AUTOREStefano Manferlotti
EDITORELangella Edizioni Napoli
COLLANACarte e Cartuscelle n. 3
DATA USCITA22/01/2021
PAGINE16
ISBN9788894512052

Si intitola “La biblioteca di Virginia Woolf” ed è opera di Stefano Manferlotti la nuova autentica chicca che la casa editrice Langella Edizioni Napoli ha in serbo per gli appassionati di letteratura. Un libro elegante e straordinario sia nel contenuto che nel contenitore, composto con caratteri Bodoni MT e stampato su carta Amalfi di Amatruda con cofanetto e legatura a filo artigianale prodotto in 150 esemplari numerati, ciascuno dei quali contenente un segnalibro in resina con all’interno carta settecentesca numerato in astuccio artigianale firmato dall’artista Salvatore Esposito.

In questo nuovo preziosissimo lavoro editoriale, in uscita il 22 gennaio nella collana Carte e Cartuscelle, Stefano Manferlotti ci accompagna nel luogo più caro a Virginia Woolf, la sua biblioteca, in un viaggio meraviglioso alla scoperta delle letture dell’autrice inglese che da sempre fa battere il cuore a tutti gli amanti della lettura. Che cosa leggeva la grande scrittrice? Quali autori prediligeva, quali erano le impressioni che ricavava dalle sue sconfinate letture? Ne viene fuori il ritratto, animato e ricco di suggestioni, di una delle più insigni figure della letteratura europea del Novecento.

L’AUTORE

Stefano Manferlotti è professore emerito di letteratura inglese presso l’Università di Napoli Federico II. Ha pubblicato numerosi volumi e saggi che investono ampi settori della letteratura inglese, dal teatro del Rinascimento al romanzo dell’Ottocento alla narrativa modernista e postmoderna. Si segnalano, fra le monografie di maggiore rilievo, “Anti-utopia. Huxley Orwell Burgess” (Palermo, Sellerio, 1984), “Romanzo ed etnia in Gran Bretagna” (Napoli, Liguori, 1995), “James Joyce” (Catanzaro, Rubbettino, 1997), “Amleto in parodia” (Roma, Bulzoni, 2005), “Shakespeare” (Roma, Salerno Editrice, 2010), “Rosso elisabettiano. Saggi su Shakespeare” (Napoli, Liguori, 2017).

Ha recato in italiano opere di Dickens, Chesterton, Melville, London, Orwell. Una sua traduzione commentata della “Fattoria degli animali” di Orwell è di imminente uscita per la Marsilio di Venezia.

Leggi anche

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Visualizza Commenti (0)

Lascia un commento

La tua email non sarà mostrata.

© 2020 Il Prisma Comunicazione - Studio Giornalisti Associati
P.IVA 02787520648 - Informativa sul trattamento dei dati personali

Il sito Librando Magazine partecipa ai programmi di affiliazione dei negozi IBS.it e Amazon EU, forme di accordo che consentono ai siti di recepire una piccola quota dei ricavi sui prodotti linkati e poi acquistati dagli utenti, senza variazione di prezzo per questi ultimi.

E' vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti senza inequivocabile autorizzazione scritta dell'editore

Scorri verso l'alto